Sudamerica: Storia di u Vestitu

I Migliori Nomi Per I Zitelli

Donna nativa brasiliana

U vastu cuntinente sudamericanu hè un studiu nantu à l'estremi geografichi, cumpresu u bacinu di l'Amazonia, a più grande foresta pluviale tropicale di u mondu; l'Andes, a seconda più alta catena muntosa di u mondu; è i deserti custieri di u Perù è di u nordu di u Cile, chì sò trà e zone più secche di u mondu. L'ecologia di queste regioni (è di e zone cum'è a costa atlantica calda, umida è a Patagonia fredda è umida) hà naturalmente influenzatu u vestitu di i sudamericani aborigini. U vestitu include vestiti, calzature, acconciature è copricapi, gioielli, è altri ornamenti corporei (per esempiu, piercing, tatuaggi è pitture).





Amazon Basin è e Coste

L'europei chì sbarcanu nantu à a costa di ciò chì hè oghje u Brasile à u principiu di u XVIu seculu scontra gruppi cum'è i Tupinambás, chì purtavanu copricapi piumati, è i primi disegni di l'indigeni chì purtavanu piume sò diventati stenografia per i Nativi Americani. I copricapi piumati o porcupini sò sempre purtati da a maiò parte di i gruppi amazzoni per usu cutidianu o festa. U vestitu hè spessu minimu, micca più cà una stringa di pene per i masci è un cover-up (Stringa) per e femine, inseme cù pittura di u corpu o tatuaggi, è / o tappi per l'arechje o orecchini, perline, fibre, colli d'ossi o denti d'animali, bandoleeri, braccialetti, fasce per e gambe, è braccialetti, nasu è labbra è ornamenti per i capelli varietà infinita d'ornamentu-è, trà i masci Kayapó è Botocudo di u Brasile, ternbeiteras , grandi dischi di legnu circulari inseriti in u labellu inferiore.

Articuli Correlati Amazoniani nativi

Native Guamakes Natives, Peru c.1913







Gruppi cume i Cofáns colombiani è equatoriani, Záparos equatoriani, è Shuars è Achuars equatoriani è peruviani una volta purtavanu tuniche di stofa di corteccia, gonne avvolgenti o (per e donne) vestiti legati nantu à una spalla. I masci Cofán portanu avà tuniche di stoffa di cuttone cummerciale finu à u ghjinochju.

Trà tali gruppi in l'Amazonia uccidentale cum'è Cashinahuas (Dwyer, 1975) è Shipibos in u Perù, è i Kamsás in Culumbia sò purtati panni di cuttuni tissuti à u tela, di solitu longhi tunici (spessu chjamati kushma ) per l'omi, è gonne tubulari per e donne. Ogni maschinu è femina Ashaninkas (Campas), è Matsigenkas (Machiguengas) portanu tuniche, tuttavia.



I masci trà i Shuars è Achuars di u Perù è di l'Equadoru portanu una gonna avvolta in cotone intrecciata, mentre chì e donne portanu un avvoltu corpu chì hè legatu nantu à una spalla. L'involucru maschile hè qualchì volta ligatu cù una cintura intrecciata cù trame di capelli umani pendenti (Bianchi et al. 1982). E tribù cuntattate in Amazonia ponu sceglie di portà abiti tradiziunali à le volte è abiti euroamericani quandu visitanu e cità o s'elli sò stati cristianizati.

Gruppi cume l'Oas, avà culturalmente spariti di a Terra di u Focu, a punta fredda è meridiunale di u Sud America vicinu à l'Antartide, ùn avianu micca tissitura, ma purtavanu abiti di pelliccia, cappelli è mocassini.



I Paesi Andini

Ballerini tradiziunali equatoriani

Ballerini equatoriani tradiziunali



custruisce u vostru propiu ghjocu di costu di rulli

I paesi chì una volta custituiscenu l'Imperu Inca (gran parte di l'Equadoru, u Perù, a Bolivia, u Cile è una parte di u nordu di l'Argentina) sò significativi per parechje ragioni. U primu hè chì i diserti custieri di u Pacificu anu purtatu à a priservazione di a materia urganica cumprese fasci di mummia cù cadavri vestuti cumpletamente. Altri artefatti archeologichi, cume e ceramiche realistiche chì ritrattanu umani vestiti, cumbinati cù i cunquistadori spagnoli è altri racconti storichi permettenu di ricustruisce u vestitu di i populi antichi. Hè pussibule generalizà nantu à a miriade di stili di vestiti lucali è storichi di l'altipiani è di a costa, chì ponu esse chjamati in generale cum'è Andini. Prima, e fibre principali, i tinturi, è parechje caratteristiche tecniche di u vestitu dopu eranu in usu da l'Era Cumuna. Fibre, filate manualmente è intrecciate à manu nantu à bastoni o telai simplici, inclusi u cotone di u Novu Mondu è camelidi (lama, alpaca, vicuña è wanaku). Una miriade di tinti sò stati aduprati cun grande effettu, cumprendu Relbunium è cocciniglia (rossu à viola), indigo (turchinu à neru), è unepoche di piante chì danu giallu. I vestiti per i ricchi o per i più alti rangi eranu spessu adornati cù ricami, piume, perline, è discu d'oru o d'argentu. Siconda, i vestiti preispanichi eranu variazioni di u quatratu o di u rettangulu, è eranu tessuti à misura aduprendu guasi tutte e tecniche cunnisciute da i tessitori euroamericani muderni. Ghjuvelli variati per sessu, età è rangu.

U terzu, i tessili eranu quattru lattini, vale à dì chì tutti i quattru bordi eranu finiti prima chì u pezzu surtissi da u tela. Hè raru di truvà un vistitu andinu prehispanicu tagliatu; a sartoria hè ghjunta cù i Spagnoli. Quartu, u pannu era apprezzatu assai è scambiatu o sacrificatu in i principali eventi di u ciclu di vita è rituali religiosi. U vestitu hà purtatu pesu simbolicu pesante è hà indicatu età, sessu, statu civile, rangu suciale, puliticu, religiosu, ecunomicu è etnicu.

A Costa Peruviana

À l'epica di a cultura Paracas (circa 600-175 a.C.) nantu à a costa sud di u Peruviu, l'abbigliamento rituale maschile era custituitu da abiti tipichi di a costa finu à a cunquista spagnola in u 1532: fascia o turbante, tunica longu à a vita ( à volte cù maniche corte, attaccate) o tabard, tela di culata o gonna avvolta cum'è kiltlike, mantellu, è à volte sandali, è un picculu saccu, generalmente adupratu per tene e foglie di coca. U vestitu di Paracas era cunsistenti in termini di dimensione, forma è mudelli, ma varia in termini di decorazione. Parechji indumenti Paracas, per esempiu, sò stati ricamati elaboratamente è parechji indumenti anu aghjuntu frange, linguette o bordi (Paul 1990).

Nativu Peruvianu

Nativu Peruvianu c. 19u seculu

E tuniche è i tabardi maschili di u litturale avianu curvature verticali è fessure di u collu, mentre chì e tuniche di e donne eranu purtate cù a curvatura orizzontale, cù punti à e spalle è un'apertura horizontale di u collu (Rowe è Cohen 2002, p. 114). E donne purtavanu ancu un mantellu. I vestiti maschili di a cultura Chimu (circa à C.E. 850-1532) di a costa nordu sò stati à volte intrecciati in insiemi abbinati cù strutture identiche di tessitura è motivi nantu à a tunica, a culata è u turbanu (Rowe 1984, p. 28).

Per tutte e culture costiere, i ghjuvelli differiscenu per genere è rangu è puderebbenu includere colli, pettorali, braccialetti, corone, anelli di nasu, è tappi d'arechje di rame, argentu, oru, conchiglia di Spondylus, turchese, piume, è cumbinazioni di sti materiali, cumprese u magnifichi ghjuvelli scavati da e tombe reali di Sipán di a cultura Moche (c. CE 100-700).

Vestitu Inca

Nanzu à l'arrivu di i Spagnoli, i Incas, sparghjendusi da u so centru in Cuzco, in Perù, trà c. 1300 è 1532, regnavanu nantu à un vastu imperu. Mandà chì i gruppi cunquistati mantenenu i so vestiti tradiziunali, copricapu è stile di capelli anu permessu à i Incas di identificà e cuntrullà.

Tessili tradiziunali Inca

Tessitura Tessili Incan Tradiziunali

U vistitu di u Highland differia da quellu di a costa. I vestiti eranu generalmente tessuti di capelli camelidi per via di u fretu. I vestiti inca avianu un bordu ricamatu distintivu cumbinendu punti di cicculata in maglia incrociata è cupertu, cù attacchi à bordu à strisce nantu à tessili più fini (chjamati qumpi , spessu arazzi à doppia faccia) è ligami solidi nantu à quelli più chjari ( awasqa ) (Rowe 1995-1996, p. 6). U pannu era impurtante, ancu sacru, per i Incas, chì brusgiavanu panni fini cum'è sacrifizii à u sole (Murra 1989 [1962]).

E donne Inca purtavanu una fascia di corpu quadrata o rettangulare à a caviglia chjamata an aksu in a parti miridiunali di l'imperu è u mo figliolu in u nordu. Hè stata avvolta sottu à e bracce, dopu tirata in su è appiccicata sopra à ogni spalla cù un viotu , una sticchetta fatta di legnu, ossu, rame, o-per donne di statutu più altu-argentu o oru. U tupus eranu cunnessi cù un cordone cù pendenti di cunchju Spondylus pendenti. A chumpia , o cintura larga cù mudellu tessutu, tenia u aksu chjusu in a cintura.

Dopu hè ghjuntu un lliklla , un mantellu, chjosu cù un altru sticchettu ( t'ipki; dopu chjamatu ancu viotu ), è un stallà , un picculu saccu per e foglie di coca. Alcune femine purtavanu fasce di testa cunnisciute da wincha , u so nome spagnolu, è alcune donne di classe alta purtavanu ñañaqas , un tipu di tela di testa (Rowe 1995- 1996).

I vestiti maschili includenu u unku , una tunica sacca, senza maniche, longu à u ghjinochju, a yakolla , un mantellu, a dopu (culatta), ch'uspa (saccu di foglia di coca), è a circa (headwrap). I nobili inca purtavanu oru maiò almenu , tappi per l'arechja chì distendenu i so lobi inferiori, inspirendu i Spagnoli à chjamalli pesche secche (grande arechje). I dui sessi anu purtatu credimi , sandali in pelle o in fibra (Rowe 1995-1996).

I capatoghji di l'altiplanu peruvianu è bolivianu chì parlanu aymara meritanu esse menzionati, postu chì a so regione era cunnisciuta per e vaste bande di camelidi è tessuti fini (Adelson è Tracht 1983). Alcuni vestiti in stile prehispanicu sò sempre purtati da i Quechua è da l'Aymaras cumprese cinture, mantelli, tuniche, ch'uspas , è assi , Ma per e femine Aymara in altiplanu, a gonna riunita emblematica, a camicetta adattata, u sciallu è u cappellu di bowler sò più recenti.

A Cunquista Spagnola

donna chì filava lana

Filatura di lana di pecura

I Spagnoli anu introduttu novi strumenti per a produzzione di panni (telai à pedi, cardatrici, roti rotanti), fibre nove (lana di pecura è seta), è novi modi. Subitu dopu à a cunquista, i masci nativi di classe alta purtavanu cumbinazioni di inca è vestiti spagnoli: un inca unku cù culotte spagnole, calze, scarpi è cappellu spagnoli (Guaman Poma). I Spagnoli insistenu prima chì i nativi portanu u so vestitu, ma dopu à e grandi ribellioni indigene di u 1780, u guvernu di u Perù hà pruibitu u portu di a fascia, di a tunica, di u mantellu è di altre insigne di i Incas cumprese ghjuvelli incisi cù l'imaghjini di l'Inca, o sole. Fine Inca qumpi unku , però, hà continuatu à esse fattu è purtatu finu à u periodu culuniale (Pillsbury 2002).

Ancu se i vestiti cum'è poncho eranu purtati prima di a cunquista spagnola, a maiò parte di i masci purtavanu tuniche cucite in i lati. A prima riferenza à u poncho apertu cù stu nome hè venuta da una descrizzione di u 1629 di i Mapuches (Araucani) di u Cile (Montell 1929, p. 239).

Abbigliamento Indigeno Andinu Contemporaniu

U vestitu tradiziunale andinu à u principiu di u ventunesimu seculu hè un mischju di stili culuniali preispanichi è spagnoli. U vestitu indica sempre l'etnicità, è in Perù l'usu di u chullu (cappellu tricotatu cù orecchie) da masci è muntagna (Cappellu spagnolu à bordu piattu) da e femine denota identità indigena, cù variazioni in i cappelli chì indicanu a cumunità di u portatore. In Bolivia è in Ecuador, una varietà di cappelli indicanu l'etnicità è trà trè gruppi ecuadoriani (i Saraguros, Cañars è Otavalos), è un Bolivianu (i Tarabucos), un marcatore etnicu per i masci hè capelli lunghi purtati in una treccia. I Tarabucos sò ancu cunnisciuti per u so cappellu unicu cum'è cascu (Meisch 1986).

Equadoru cuntempuraneu

Donne Ecuadoriane Contemporanee

In parechje cumunità - per esempiu Q'ero in Perù (Rowe è Cohen 2002), i Chipayas in Bolivia, è i Saraguros in Ecuador (Meisch 1980-1981) - i masci portanu sempre versioni di a tunica Inca, mentre chì e femine di Otavalo, L'Equadoru, porta un vistitu chì hè u più vicinu à a forma di u vestitu femminile Inca purtatu in ogni locu in l'Ande (Meisch 1987, p. 118). In tuttu u nordu di l'Equadoru, e femine indigene di parechji gruppi etnichi portanu sempre u u mo figliolu , avà una gonna impannillata, cintura intrecciata à manu, lliklla , qualchì volta a viotu , è cappellu distintivu, mentre chì i masci portanu ponchos è feltru di feltru.

novu numaru di seria di a macchina à cusgì in casa

In u Cuzco, Perù, regione, i masci portanu u chullu , u poncho, è qualchì volta pantaloni di lana intrecciati à a manu, o vestitu di stile euroamericanu, mentre chì e donne sò più cunservatrici è portanu giacche corte è à volte gilet sopra camicie fabbricate è maglioni, è gonna cun llikllas , gonne cù cinture intrecciate tenute chjuse cù un viotu , o pin di sicurezza. In parechje cumunità, e donne sò sempre fiere di a so capacità di tesse panni fini cù a tecnulugia preispanica.

In a regione Ausangate à u sudu di Cuzco, e piccule differenze in u vestitu di e donne cum'è a lunghezza di a so gonna è a presenza di frange nantu à i so muntatu indica residenza (Heckman 2003, pp. 83-84).

In a regione Corporaque (sudu di u Perù), u vestitu di e donne (gilet, cappelli, gonne raccolte), puru sì in forma abbastanza europea, eccettu per i so panni di trasportu, hè ricamatu di manera elaborata in picculi attelli (Femenias 1980, p. 1). Ancu se a tecnulugia hè europea, l'importanza di u vestitu cum'è marcatore etnicu hè andina. In l'Ande Boliviana, Peruviana è Equatoriana, portanu assai indigeni credimi , sandali fatti da pneumatici di camiò, ma in u nordu di l'Equadoru, espadrilles , Sandali di cuttuni fatti à a manu, sò purtati.

Ancu se a Culumbia hà una piccula pupulazione indigena, i gruppi in dui grandi regioni di l'altupianu mantenenu stili di vestiti distintivi. I Kogis (Cágabas) è i Incas di a Sierra Nevada di Santa Marta nantu à a costa atlantica portanu tuniche lunghe, di cuttuni cinturati nantu à i pantaloni stretti, è un picculu cappellu tondulu, di cuttone è appuntitu per a prima, fibra piatta o di cuttone per u ultimu. L'omi portanu ancu un zaini , un saccu di cuttone per e so foglie di coca è zucca di lime. E donne portanu un vestitu chì s'assumiglia à u aksu , chì hè avvoltu intornu à u corpu, legatu nantu à una spalla, è fissatu à a cintura cù una cintura.

Dopu a cunquista spagnola, i Páezes di u suduveste di a Culumbia anu sviluppatu un vestitu unicu, abbandunendu semplici fasgi di cotone. E caratteristiche più distintive di u vestitu maschile sò un vestitu cortu, di lana, simile à un poncho, è una gonna avvolta in lana. In tutta l'Ande, i zitelli portanu di solitu una faldella avvolta finu à ch'elli sianu addestrati à u bagnu; dopu portanu un vistitu tradiziunale cum'è l'adulti. E persone indigene continuanu à aduprà u vestitu indigenu per definisce si cum'è cumunità etniche, è per cunghjuntà e tecnologie preispaniche è europee in a fabricazione di i so vestiti.

Vede ancu Cover-Sex; Homespun; Turbanu.

Bibliugrafia

Adelson, Laurie è Arthur Tracht. Aymara Weavings: Tessuti Cerimoniali di a Culunia è di u XIX Seculu Bolivia. Washington, DC: Smithsonian Institution, 1983.

Bianchi César et al. Artigiani è Tecniche Shuar. Quito: Edizioni Mundo Shuar, 1982.

Dwyer, Jane Powell, ed. U Cashinahua di u Perù Orientale . Providence, R.I .: U Museu di Antropologia Haffenreffer, Università Brown, 1975.

Femenias, Blenda, cù Maria Guaman. A Prima Nova Cronaca è Bonu Guvernu , 3 vols. Da l'uriginale A Prima Cronaca è Bonu Guvernu da Felipe Poma de Ayala (1615). Jaime L. Urioste, trad., John Murra è Rolena Adorno, eds. Città di Messicu: Siglo Veintiuno, 1980.

Heckman, Andrea. Storie Intrecciate: Tessili è Rituali Andini. Albuquerque: Press di l'Università di u Novu Messicu, 2003.

Meisch, Lynn. 'Costume è Tessitura in Saraguro, Ecuador.' U Journal di u Museu Tessile 19/20 (1980-1981): 55-64.

-. Otavalo: Tessitura, Costume è Mercatu. Quito: Libri Mundi, 1987.

-. 'Stili di tissitura in Tarabuco, Bolivia.' In A Cunferenza Junius B. Bird nantu à i Tessuti Andini . A cura di Ann Pollard Rowe, 243-274. Washington, DC: U Museu di u Tessile, 1986.

Montell, Gösta. Vestitu è ​​Ornamentu in u Perù Anticu: Studii Archeologichi è Storichi Göteborg, Svezia: Elanders Boktryckeri Aktiebolag, 1929.

Murra, Ghjuvanni. 'U Tissu è a so Funzione in u Statu Inca.' In Panni è Esperienza Umana , editatu da Annette B. Weiner è J. Schneider, 275-302. Washington, D.C., è Londra: Smithsonian Institution Press 1989 [1962].

Paul, Anne. Abbigliamento Rituale Paracas: Simbuli di Autorità in l'Anticu Perù. Norman è Londra: Università di Oklahoma Press, 1990.

Pillsbury, Joanne. 'Inka Unku: Strategia è Cuncepimentu in u Peruviu Culuniale.' U Museu d'Arte di Cleveland. Studi di Cleveland in Storia di l'Arte 7 (2002): 68-103.

Rowe, Ann Pollard. Costumi è Piuma di i Signori di Chimor: Tessuti da a Costa Nordu di u Perù. Washington, DC: U Museu di u Tessile, 1984.

belle cose da dì à a to surella

-. 'Tessitura Inca è Costume.' U Journal di u Museu Tessile 34/35 (1995-1996): 4-53.

Rowe, Ann Pollard è John Cohen. Fili Nascosti di u Perù: Tessili Q'ero . Londra è Washington, DC: Merrell Publishers è The Textile Museum, 2002.

Vanstan, Ina. Tessuti da sottu u Tempiu di Pachacamac, Pérou. Filadelfia: U Museu di l'Università, Università di Pennsylvania, 1967.

Caloria Calculor